Tutto quello che dovresti sapere prima di acquistare un’immobile ad uso commerciale

immobile commerciale

Acquistare o affittare, questa è la domanda che imprenditori si pongono verso il 1° del mese, quando arriva il momento di firmare l’assegno dell’affitto.

Con i tassi d’interesse che sono quelli attuali e i prezzi che risentono della crisi della carta commerciale, la risposta potrebbe benissimo essere sì, se l’immobile giusto diventa disponibile e ci si può permettere un calo di cassa relativamente importante.

Possedere un immobile commerciale ha i suoi vantaggi.

Scelte: in qualità di proprietario, potete decidere se scegliere un edificio che corrisponda alle vostre esigenze attuali, che abbia abbastanza spazio per un’espansione futura o che sia abbastanza grande da poterne affittare alcune parti.

Equità: ogni mese, i vostri pagamenti vengono applicati per pagare il mutuo e costruire un po’ di capitale proprio che potrebbe essere utile alla fine per garantire un prestito per nuove attrezzature, per finanziare un’acquisizione o semplicemente come attività.

Apprezzamento: non sopportando gli imprevisti, il vostro edificio dovrebbe apprezzarsi con il tempo. Questo apprezzamento potrebbe, proprio come il capitale proprio di cui sopra, essere utilizzato per ottenere migliori condizioni di finanziamento.

Potere: in qualità di locatore, siete voi la persona incaricata di decidere come finanziare l’edificio, di scegliere gli inquilini, di scegliere le decorazioni, di selezionare gli imprenditori per i lavori da eseguire, di migliorare l’edificio. Hai anche il controllo sulla tariffa dell’affitto.

Se è così grande, perché non lo fanno tutti?

Il motivo principale per cui non tutti possiedono lo spazio commerciale che utilizzano è che, nella vita reale, le cose non vanno necessariamente come nelle televendite a tarda notte…

È possibile acquistare immobili commerciali senza spendere soldi, soprattutto se è perché il vostro denaro vi sta portando di più in un altro investimento (sicuro).

D’altra parte, se è perché il vostro flusso di cassa non vi permette alcuna flessibilità e non avete nulla da parte se le cose dovessero andare un po’ inaspettatamente, allora potreste voler considerare seriamente tutte le ramificazioni dell’affare che state considerando.

La fase di crescita del flusso di cassa della vostra azienda.

La vostra attività vi offre un reddito confortevole e prevedibile che state cercando di investire o che potrebbe ostacolare una parte importante del vostro reddito per il prossimo futuro?

Sarete in grado di permettervi spese sostanziali e talvolta inaspettate nel caso in cui dobbiate effettuare una manutenzione inaspettata del vostro edificio?

Di solito, un immobile commerciale richiederà una riduzione di 15 euro che, in alcuni casi, può rivelarsi molto costosa.

Non dimenticate di tenere conto anche del prezzo delle assicurazioni, delle tasse e delle spese legali. Data l’importanza delle figure coinvolte nella maggior parte delle transazioni immobiliari commerciali, vi consiglio di circondarvi di una rappresentanza adeguata: un agente immobiliare con esperienza e un track record positivo, nonché consulenti finanziari e legali.

Esaminare la prospettiva fiscale.

Poiché non sono un CPA e che tutte le situazioni sono uniche, vi consiglio vivamente di incontrare un consulente finanziario competente che vi aiuterà a valutare la vostra particolare situazione.

Per ora, tenete presente che nella maggior parte delle situazioni, potrete utilizzare alcune delle vostre spese come ammortamenti per ridurre le tasse o parte dell’affitto come reddito personale.

Guadagnate i vostri soldi quando comprate, non quando vendete.

Un ultimo ma importantissimo fattore da considerare prima di prendere una decisione è che si guadagnano i soldi quando si compra, ma si realizzano quando si vende.

Pagare più del giusto valore di mercato, non tenendo conto dei vostri fattori di flusso di cassa (mutuo, tassi d’interesse, assicurazione, tasse e riparazioni VS affitto in arrivo, altre possibilità di reddito come il parcheggio per esempio) o lasciare che i vostri sentimenti dettare una decisione di acquisto può influenzare negativamente la vostra strategia di uscita per l’anno se non si sta attenti.

Anche se l’apprezzamento è abbastanza probabile, vi suggeriamo di non tenerne conto quando fate i calcoli: se l’affare è ancora un buon affare senza tener conto dell’apprezzamento, è probabile che otterrete un ROI (ritorno sull’investimento) favorevole quando deciderete che è il momento di adottare la vostra strategia di uscita.

Se avete intenzione di farvi fare una stima prima di passare all’acquisto, fate molta attenzione, perché nessuno sa davvero cosa accadrà in futuro e, nel presente, potreste pagare troppo.

Riassumendo, ecco che cosa prendere in considerazione prima di acquistare un immobile ad uso commerciale:

Abbiamo quindi esaminato brevemente i diversi aspetti dell’acquisto di un immobile commerciale. Ricordate i vantaggi di essere un proprietario:

  • Patrimonio netto
  • Rivalutazione possibile in futuro

Per evitare investimenti imprudenti, assicuratevi di valutare attentamente il vostro futuro flusso di cassa.

Ricordate che:

– L’acquisto dell’immobile non ostacolerà la vostra strategia di crescita.

– Dovete avere i fondi necessari per riparazioni inaspettate e talvolta piuttosto costose in caso di necessità.

Per andare sul sicuro:

– Fatevi consigliare da un consulente finanziario professionista sulla vostra situazione fiscale.

– Fatevi consigliare da un consulente legale professionista.

– Fatevi consigliare da un consulente immobiliare professionista.

– Evitate i consigli gratuiti, perché spesso finiscono per essere i più costosi.

– Valutate il flusso di cassa dell’edificio.

– Assicuratevi che l’acquisto abbia senso anche senza apprezzamento.

– Trovate uno specialista immobiliare affidabile.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

I accept the Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.